National Institute of Informatics - Digital Silk Road Project
Digital Archive of Toyo Bunko Rare Books

> > > >
Color New!IIIF Color HighRes Gray HighRes PDF   Japanese English
0613 Storia della Spedizione Scientifica Italiana nel Himàlaia, Caracorùm e Turchestàn Cinese(1913-1914) : vol.1
History of an Italian Science Expedition to Himalayas, Kharakhorum and Chinese Turkistan(1913-1914) : vol.1
Storia della Spedizione Scientifica Italiana nel Himàlaia, Caracorùm e Turchestàn Cinese(1913-1914) : vol.1 / Page 613 (Grayscale High Resolution Image)

New!Citation Information

doi: 10.20676/00000174
Citation Format: Chicago | APA | Harvard | IEEE

OCR Text

 

APPENDICE

RENDICONTO FINANZIARIO

Tutto intiero questo libro vuol essere un rendimento dei conti, inteso a provare come la spedizione abbia adempito ai compiti che s' era prefissi. A renderlo completo, è doveroso aggiungere alla descrizione del modo come fu condotta la campagna, un succinto ragguaglio intorno alla amministrazione delle somme affidateci per la sua esecuzione.

Purtroppo, nelle odierne condizioni del valore relativo del denaro, l' esperienza da noi fatta perde molto del valore che potrebbe avere come guida per la preparazione di altre imprese consimili. Tuttavia mi sembra che conservi un certo interesse come dimostrazione della ripartizione e dell' impiego dei mezzi pecuniari. L' analisi delle spese mi ha ad ogni modo dato occasione di fare una ricapitolazione generale dei movimenti e della attività della spedizione.

Nel progetto originale, la somma necessaria alla esecuzione della campagna era stata prevista in lire 250.000. Il costo effettivo fu di lire 275.125,55.

La discordanza fra le previsioni ed il risultato finale non appare eccessiva se si considerino le tante incognite e gli elementi difficilmente apprezzabili in una impresa così largamente concepita, svoltasi in regioni diverse, in gran parte deserte, e piene di ostacoli imprevedibili.

E da notare che la maggiore spesa è in parte dovuta allo scoppio della guerra europea, che non si poteva in nessun modo prevedere, e che necessitò il frazionamento della spedizione e il ritorno dei suoi membri per vie diverse, indirette e molto più lunghe delle normali. La guerra fu anche causa di perdite considerevoli nel cambio delle valute (rupie, seer cinesi, rubli, sterline), per il disorientamento accaduto nel primi mesi nei mercati monetari dell' Europa e dell'Asia.

66