National Institute of Informatics - Digital Silk Road Project
Digital Archive of Toyo Bunko Rare Books

> > > >
Color New!IIIF Color HighRes Gray HighRes PDF Graphics   Japanese English
0539 Storia della Spedizione Scientifica Italiana nel Himàlaia, Caracorùm e Turchestàn Cinese(1913-1914) : vol.1
History of an Italian Science Expedition to Himalayas, Kharakhorum and Chinese Turkistan(1913-1914) : vol.1
Storia della Spedizione Scientifica Italiana nel Himàlaia, Caracorùm e Turchestàn Cinese(1913-1914) : vol.1 / Page 539 (Color Image)

Captions

[Photo] tr Sorok Gilga (Cold Valley), north of the Ianghi Dauan PassLa Sorok Gilga, a Settentrione dell'Ianghi Dauàn.
[Photo] bl The Turaghil ValleyValle Turaghil.

New!Citation Information

doi: 10.20676/00000174
Citation Format: Chicago | APA | Harvard | IEEE

OCR Text

 

VALICHI CARACORUM, SUGHET E COCART   459

Hayward) che è un bellissimo punto di vista della catena Aghil. A Settentrione del valico, per una serie di strette e ripide gole fra pareti irte di punte e di torrioni di roccia, dette Sorok Gilga (Val Fredda) si perviene nella valle del Turaghil, uno

P Pochi chilometri più in basso si apre, a destra, fra i contrafforti del Cuen Lun, un' altra importante tributaria, che con- duce ad un secondo valico della catena, ht~..

dei rami d' origine del fiume Tisnàf, che

si discende fino ai piedi di valico Akco-

rùm, donde la via si confonde con quella seguita da noi, che descriverò in ap-

presso (').

Poco sotto lo sbocco della valle

dell' Ianghi Dauàn, il Ràskem Darià si raccoglie in un solo alveo ristretto fra

due grossi banchi di conglomerati for-Í--

SS   yy

matisi alla apertura di due tributarie che   -

si aprono una in faccia all' altra ; quella

.44

a destra percorsa da un rivoletto senza   _ ~` ~r

importanza ; la sinistra occupata da un

Neg. Spranger

è tagliato

La Sorok Gilga, a Settentrione dell' Ianghi Dauàn.

torrente considerevole, che si un largo e profondo letto nel banco

alluvionale. Questa tributaria si addentra profondamente fra i monti (s), e vi scorgiamo una specie di sentiero ; ma i nostri Chirghisi dicono che è una traccia segnata dal passaggio dei culàn o kiang, e negano recisamente che alcuna via passi su per la valle, o che essa abbia un nome.

'   detto Cirak Saldi (m. 4970), il quale
mette, come il Ianghi Dauàn, nella valle

--~...,   Daria nel 1887 lo Younghusband, nella

sua memorabile traversata da Iàrcand al Bàltistan attraverso il valico Mustàgh del

Valle Turaghil.

Neg. Spranger Caracorùm (3). Sul tratto di terrazzo piano che si estende presso l' apertura della

  1. Per maggiori particolari sulla via dell' Ianghi Dauàn, vedi il citato Rapporto del WOOD, a pag. 23 e segg.

  2. Di tutte le carte che ho veduto, quella annessa al citato volume del DREW è la sola che segni chiaramente questo vallone, col nome Tynzap. Il suo decorso però è fantasioso, poichè a quella epoca (1875) non si sapeva della catena Aghil, nè della valle Oprang, interposte fra il Raschem Daria e il Caracorùm.

  3. Vedi il citato libro di Sir F. YOUNGHUSBAND, pag. 179.